Hasbro Monopoly Il Trono Di Spade

Hasbro Monopoly Il Trono Di Spade.

46,90 €
Tasse incluse
 

SPEDIZIONE GRATUITA per ordini a partire da 50,00 €. Per ordini inferiori, il costo è di 6,90 €.

Descrizione

Basato sulla seguitissima serie tv HBO: Game of Thrones

Con questa edizione di Monopoly gli appassionati di Game of Thrones possono viaggiare tra le leggendarie terre di Westeros mentre acquistano, vendono e contrattano per i luoghi dei Sette Regni.

Grafica e denaro a tema Game of Thrones

Le monete di cartone consistono in 42 Dragoni d'Oro e 53 Cervi d'Argento, la grafica del tabellone e delle caselle traggono ispirazione dalla serie TV HBO Game of Thrones.

Il portacarte in ferro a forma di trono è dotato di un supporto musicale che suona la colonna sonora della serie; premi il tasto per accendere la musica.

Fortezze e Castelli

Questa versione di Monopoly comprende 32 fortezze e 12 castelli al posto di case e alberghi, e le proprietà rappresentano i luoghi della serie TV.

Pedine delle casate

Le 6 pedine di questo Monopoly si ispirano agli stemmi delle Casate; a chi prometterai la tua lealtà?

Scheda tecnica

Hasbro
18941648
26.50 cm
3.50 cm
3.50 cm
6.30 Kg
20 Articoli
5010993584185

Storia del marchio

Hasbro è una società statunitense che produce giochi e giocattoli.
È la seconda più grande società produttrice di giocattoli al mondo, dietro solo al gigante Mattel.
L'articolo d'esordio della ditta fu il giocattolo Mr. Potato Head, una patata antropomorfa smontabile.
Fu inventato alla fine degli anni quaranta da George Lerner, che inizialmente vendette l'idea ad una fabbrica di fiocchi d'avena, in modo tale che le diverse parti del giocattolo potessero essere distribuite come regalo dentro le confezioni.
L'affare non ebbe successo e Lerner riacquistò i diritti a favore degli allora produttori tessili Henry, Hilal ed Herman Hassenfeld, titolari della ditta Hassenfeld Brothers, nome più tardi abbreviato in Hasbro.
L'articolo ebbe un successo strepitoso, che favorì lo sviluppo di altri giochi e giocattoli da parte della ditta, che fu riconvertita per diventare appunto una fabbrica di giocattoli.

Recensioni